Sognalo, Pianificalo, Fallo

Da Sogno a Realtà

Trasformare i propri sogni in realtà rappresenta probabilmente una delle sfide più importanti per l’essere umano. Ed è una sfida costante nella propria vita in quanto abbiamo sempre obiettivi da centrare.

Gli obiettivi si evolvono, cambiano, crescono, si modificano, ma il comune denominatore è che se ne vogliono raggiungere sempre di nuovi non appena ne raggiungiamo uno.

E’ nella natura dell’essere umano voler conseguire sempre nuove mete e mettersi in gioco per raggiungerle. L’essere umano è fatto per fare e non per contemplare solamente.

Parlare di obiettivi e della loro fattibilità è pane quotidiano per chi si rivolge ad un Coach. Non esistono obiettivi giusti o sbagliati, ma solo obiettivi realizzabili e obiettivi fantasiosi. Il Coach aiuta le persone a confezionare al meglio i propri obiettivi.

Ma perché quando non ci rivolge all’ausilio di un Coach si rischia di fallire nel conseguire i propri obiettivi?

business-idea-1240825_1920

Nonostante il tema obiettivi sia un argomento che ci portiamo dietro costantemente nella vita, e quindi dovremmo essere esperti nel realizzarli, accade che la maggior parte di essi rimangono solo nella nostra mente.

Passare dal sogno o desiderio che dir si voglia, al vederlo realizzato, prevede due passaggi che si chiamano pianificazione e realizzazione. Ed è proprio lì che ci si può trovare in difficoltà.

Volendo fare una macro distinzione nel descrivere questo fenomeno, fondamentalmente esistono due tipi di persone, quelle che pianificano e non fanno e quelle che fanno senza pianificare.

Quelle che pianificano, pianificano di continuo, cambiano il progetto, lo rivisitano e cercano sempre di trovare il giusto modo o il giusto momento per poter passare all’azione, ma in verità all’azione non passano mai per paura di sbagliare o anche per paura del giudizio. Sono persone contemplative che affrontano la vita in maniera “platonica”.

L’altro tipo di persona invece è molto dinamica e passa all’azione immediatamente senza un piano preciso. Finisce molto spesso per fallire proprio perché non avendo un programma inizia a darsi da fare con la convinzione di poter riuscire con il solo entusiasmo.

Ovviamente c’è il terzo tipo di persone, e sono quelli che sognano, pianificano e fanno raggiungendo i risultati voluti.

Questo tipo di persone, non si accontenta di prendere quello che capita dalla vita, ma sono determinati a perseguire i propri obiettivi mettendo in discussione anche le proprie abilità nella costante ricerca del proprio allineamento al proprio stile di vita ideale.

Cosa posso fare se sono una persona che pensa troppo e non agisce mai?

Se appartieni alla prima categoria di persone, quelle che pianificano di continuo, ma non agiscono mai, potresti attenerti a queste semplici regole:

  • Pensa a cosa stai rinunciando non conseguendo il tuo obiettivo e rifletti sui vantaggi che acquisiresti al suo raggiungimento;
  • Inizia col fare piccole cose che sono semplici da agire e osserva come inizia a cambiare la tua percezione sulla difficoltà a fare;
  • Chiedi a qualcuno che ti sta molto vicino e di cui ti fidi, di monitorarti. Spiegagli qual è il tuo obiettivo e chiedigli di darti un feedback sui tuoi piccoli passi. Bada bene, non deve giudicarti, non è un controllore, ma semplicemente una persona che ha piacere nel vederti fare quello che stai facendo e ti può sostenere nelle tue decisioni.

Se invece fai parte della seconda categoria di persone, quelle che agiscono senza pensare e pianificare nulla, forse ti potrebbe essere utile sapere che avere una buona idea senza una corretta strategia equivale a vanificare le tue buone intenzioni. Cosi facendo invalidi i tuoi progetti.

Per cui:

  • Ricordati sempre che hai questa caratteristica, ed appena hai una buona idea, sforzati di non metterla in pratica. Prendi foglio e penna e scrivi almeno 5 buone ragioni per cui potresti fallire;
  • Chiedi ad una persona fidata di riflettere assieme a te sulla validità delle tue intenzioni e di aiutarti a pianificare una strada utile al conseguimento del tuo intento.

Questi sono consigli di massima che già apportano un valido aiuto a chi si potesse trovare in condizioni simili. Se tutto questo non dovesse bastare puoi chiedermi un parere prenotando una sessione di Coaching gratuito o scrivendomi sulla mia e-mail cosa ti capita.

Ti ringrazio per avermi letto fin qui, e se l’articolo ti è piaciuto, lasciami un tuo commento qui sotto e magari se ti fa piacere condividilo sui social. Puoi anche lasciarmi un tuo LIKE su Facebook, per me sarebbe molto importante, in quanto questa è la maniera per farmi conoscere.

Un saluto e ti aspetto alla lettura del prossimo post

M.C.