Come è fatta una persona di successo?

Mi è capitato di ricevere più volte questa domanda: “Ma cosa distingue una persona di successo da una che non riesce?”.

Intanto chiariamo cosa si intende per persona di successo. Essa è una persona che sa quel che vuole, sa come raggiungerlo, e soprattutto ci riesce. Questo esula da quanti soldi ha, da dove vive e come vive. Il concetto di successo è da riferirsi a ciò che quella persona riesce ad ottenere in relazione a ciò che gli piace.

Quindi sono persone di successo tutte quelle che edificano la propria esistenza intorno ai propri valori ed obiettivi costruendosi letteralmente il proprio stile di vita ideale.

Quello che pensano e che dicono è in linea con quel che hanno e che fanno.

In realtà non esiste una risposta predefinita alla domanda, perché per quanto semplice possa sembrare a qualcuno, per diventare una persona di successo, bisogna intraprendere una serie di pensieri, azioni, scelte, comportamenti, studi, ricerche, pianificazioni e molto altro ancora che normalmente, ma non esclusivamente, sono difficilmente improvvisabili.

Volendo fare luce solo su alcune delle cose che differenziano le persone di successo dalle altre, la prima caratteristica è che sono persone determinate nei loro intenti. Sono persone resilienti che non si fermano di fronte alle difficoltà, ma tenendo ferma nella loro testa la meta, adattano il percorso per raggiungerla.

Come bravi marinai, girano la vela al vento favorevole piuttosto che lasciarsi trasportare dalle correnti. D’altronde tutti noi, quando abbiamo imparato ad andare in bicicletta, siamo caduti ai primi tentativi, ma ci siamo rialzati finché non abbiamo imparato a rimanere in equilibrio, ed è esattamente quello che fa una persona di successo non fermandosi di fronte alle prime difficoltà.

Possiamo quindi dire che alla base di tutto, come prerequisito fondamentale, ci sono le azioni. Le persone di successo fanno le cose, anche sbagliando, ma le fanno. Le persone che non riescono passano molto tempo a contemplare le cose che devono fare, magari aspettando che qualcosa accada, pensando che tanto il tempo aggiusta tutto, oppure aspettando che qualcun altro le faccia per loro.

Qualcuno potrebbe pensare che chi ha successo è semplicemente fortunato, ma non è vero. Sono persone che si sono impegnate ed hanno lavorato duramente per agire sull’unica leva che ti può avvicinare alla riuscita. Ovvero, hanno semplicemente piegato a loro favore il calcolo delle probabilità.

Hanno accelerato il processo che li ha portati al traguardo aumentando il numero di azioni necessarie al compimento del risultato voluto.

Di fatto, come evidenziato più volte nei miei post, l’azione è sempre alla base del cambiamento, non per nulla è il pilastro più importante della metodologia del Coaching. L’azione è la diretta conseguenza del pensiero. Il pensiero prepara il tiro, l’azione colpisce il bersaglio.

Inoltre, fare, piuttosto che pensare, porta ad almeno tre risultati positivi contemporaneamente:

  1. Verifico subito se sto sbagliando la direzione, ed eventualmente posso aggiustare il tiro. Se rimango nella fase “pensatoria” mi precludo la possibilità di verificare l’esattezza delle mie intuizioni.
  2. Muovendomi, inevitabilmente mi vengono nuove idee, magari anche migliori che non sarebbero emerse diversamente.
  3. Aumento la fiducia in me stesso e nelle mie capacità in virtù di quanto sto facendo. La mia autostima si rinvigorirà.

Questo non significa che le persone di successo compiono azioni senza pensare, ma loro pensano in funzione di cosa vogliono e come fare per averlo, mentre la stragrande maggioranza delle persone ragiona in termini di ciò che non vuole. Inoltre non si assumono mai la responsabilità delle proprie azioni addossando sempre la colpa dei propri insuccessi a qualcun altro.

Pensare sempre a ciò che non funziona, e rimandare le proprie responsabilità ad altri, genera emozioni negative che portano a lungo andare verso l’infelicità costante. Anche per questo motivo, il Coach edifica tutto il percorso di cambiamento attorno al cosa vuole il cliente e come fare per ottenerlo, puntando concretamente verso il futuro desiderato ed allenando le cose che già funzionano in lui.

Questi sono ovviamente dei piccoli segnali distintivi presenti in tutti quelli che sono riusciti ad ottenere il loro personale successo.

Spero che il post ti sia piaciuto e ti invito a lasciare un tuo commento qui sotto ed a mettere il tuo “like” alla mia Fan Page. Grazie.

M.C.